venerdì, marzo 27, 2015

GUARDARE LE STELLE NON È COME LEGGERE IL GIORNALE: il secondo singolo di Stefano Vergani in rotazione radiofonica






Nuovo singolo estratto dall'ultimo album del cantautore brianzolo APPLAUSI A PRESCINDERE, tra i finalisti di Musicultura 2015



La canzone racconta della difficoltà di un artista nel momento in cui perde la fiducia nella città e nella gente che lo circonda, della sua solitudine e del bisogno di aiuto che è necessario per andare avanti in un mondo sempre più indifferente alla bellezza.


Guarda qui il video: https://www.youtube.com/watch?v=otUC2_BHJvc



Applausi a prescindere è un disco dove si mescola l'ironia amara che ha sempre contraddistinto la produzione di Stefano Vergani, ad una gioia velata; è un disco di musica vagamente leggera, dove si torna a raccontare delle storie, dove si da vita a personaggi che mettono in mostra tutta la loro unicità nella buona e nella cattiva luce, dall'invidia, alla gelosia, all'eros, all'amore, nel senso più puro, per passare poi alla solitudine e alla ricerca di aiuto. Un disco che oscilla tra il sorriso e una nuova consapevolezza dell'autore che ha voluto fortemente ritornare a raccontare storie con la semplicità che si muove tra le note di una musica che sembrava perduta.


DICONO DI LUI


"Applausi a prescindere" è un disco per palati fini, da ascoltare attentamente senza tralasciare niente, quasi come fosse un libro che contiene, al suo interno, tanti racconti diversi fra loro ma accomunati da un filo conduttore che parte dal principio per poi snodarsi gentilmente fino alla fine. Alice Tiezzi, Rockit


Leggerezza. Questa la cifra stilistica del cantautore brianzolo. Leggerezza del suono e dello scrivere. La sua musica crea atmosfere fuori dal tempo, non riconducibili a un genere specifico (se non chiaramente al mare sconfinato della canzone d'autore); atmosfere che la voce profonda di questo cantautore accarezza morbidamente. Francesca Bignami, L'Isola che non c'era


Di nuovo il testo, ritornano quindi le parole ad essere le grandi protagoniste nella ricchezza delle infinite sfumature di un disco di bella canzone d'autore italiana. Paolo Tocco, Raro Più


Dischi, e artisti, come questi, fuori dagli schemi e dalle mode, andrebbero protetti e tutelati come se fossero una riserva naturale. Complimenti. Giacomo Messina, KDCobain


Mi stupisco sempre della sua abilità di concatenare in un verso decine di parole che si rincorrono e si inseguono a formare un vortice che travolge e trascina per tutta la canzone.
Mai banale ne scontato, ne nella musica ne nel testo,  fa sempre emergere il suo punto di vista su quello che ci racconta.
Davide Vedovelli, Valle Sabbia News


Un disco maturo, grande per un pubblico grande, ambiziosa crociata alla superficie culturale a cui i media pettinati ci stanno abituando, un disco che starebbe bene su vinile piuttosto che su i-pod […]. Sound36


Sempre rauca e trascinata è la voce di Stefano Vergani, "solo" con le sue storie e in compagnia dei personaggi autentici che le animano. Personaggio principale o interprete secondario. Narratore o semplice comparsa. Due facce uguali e diverse di Stefano Vergani. Leonardo Follieri, Jam on line


Insomma "Applausi A Prescindere" è un disco senza dubbio affascinante che non mancherà di riservare belle sorprese a quanti sapranno coglierne con attenzione ogni sfumatura, ed ogni dettaglio poetico. Salvatore Esposito, Blogfoolk


[…] non ascoltavo un album così bello, ma così bello, da un sacco di tempo. Giuseppe Galato, Colori Vivaci Magazine


Con questo quarto capitolo della sua discografica, la musica d'autore italiana torna ad aprire un capitolo assai prezioso che è legato al racconto di storie e dei suoi personaggi, e in questo Stefano Vergani è maestro restituendo al tutto uno scenario sonoro di altri tempi, sicuramente anni luce dall'industrializzazione digitale che oggi è ormai divenuto il filo conduttore di qualsiasi cosa. Marco Vittoria, Vento Nuovo


Un bel disco e un cantautore genuino,un vero artista come non se ne sentono tutti i giorni. Notevole capacità di scrittura e voce robusta,molto particolare ed interessante.

Dedicato a tutti gli amanti della buona musica. Francesco Lenzi, Audiofollia


C'è poesia e forte maturità nei testi di Vergani, che si presenta come un songwriter di spessore. Già nei titoli alcune tracce fanno intravedere tutta la loro forza, la capacità di raccontare storie e far sognare anche […]. Sisco Montalto, Clap Bands Magazine


Scenari ovviamente voluti dallo stesso Vergani ma che comunque forse a loro modo confondono o distraggono chi dalla sua delicatezza ormai si era lasciato totalmente rapire, la stessa con cui per il resto del lavoro ha saputo incastrare i tasselli di un puzzle da avere assolutamente a casa propria. Paolo Polidoro, Musicalnews



BIO

Stefano Vergani pubblica il suo primo disco Ufficiale nel 2005. E' firmato insieme a quella che allora si faceva chiamare Orchestrina Pontiroli e prende il curioso e complicato titolo di "La musica è un pretesto la sirena una metafora". I tempi che passano tra la registrazione e l'uscita del disco sono però lunghi, così lunghi che in mezzo ci passa l'esibizione al primo Mantova musica festival e la partecipazione al Club Tenco nel 2004 dove Stefano viene premiato con la Targa SIAE come miglior autore emergente. Segue il primo premio per la rassegna "Non sparate sul pianista". Seguono concerti in lungo e in largo per la penisola affiancati ad una densa attività di produzione di canzoni. L'insieme di quest'ultime fa nascere "Chagrin D'amour" firmato sempre con L'Orchestrina Pontiroli che di lì a poco cambierà nome in Orchestrina Acapulco. Il disco vede la luce nel Novembre 2007. Da qui viene estratto il primo video ufficiale di Stefano Vergani "Pesci e Poltrone".

La band nel corso degli anni cresce e muta di continuo fino ad arrivare ad una "apparente stabilità" chiamata Orchestrina Acapulco. E' con questa formazione ed un nuovo bagaglio di canzoni che nel Luglio del 2010 Stefano è invitato a suonare al prestigioso Festival di Villa Arconati a Bollate in provincia di Milano. Dopo poco vengono concluse le registrazione del nuovo disco "E allor pensai che mai" che esce nel Gennaio del 2011. Dall'album viene estratto il secondo video ufficiale "Mercoledì".

Nello stesso anno Stefano vince il primo premio durante la rassegna "Musica da bere".

Seguono concerti per i due anni successivi con partecipazioni a festival e manifestazioni in tutta Italia.

Da ottobre 2013, un nuovo cambio di rotta, cominciano i lavori per il suo primo disco da solista: il nuovo lavoro "Applausi a prescindere" firmato Stefano Vergani è uscito il 29 Settembre 2014.

Intensa l'attività live che vede il cantautore impegnato in un tour in continuo aggiornamento di date in tutta Italia dove continua a raccogliere grandi consensi.

Inoltre Stefano Vergani è tra i 16 finalisti di Musicultura 2015, edizione ancora in corso.


Link di acquisto: https://itunes.apple.com/it/album/applausi-a-prescindere/id923427117


www.stefanovergani.net - Profilo Facebook - Fanpage



Francesca Zizzari 

francesca@laltoparlante.it - tel. 328 4161425


--


Valentina Seneci

366 6617469

L'AltopArlAnte 

PromoRadio ||| PromoVideo |||PromoStampa&Web

giovedì, marzo 26, 2015

Una Santa e un pittore, per i cinquecento anni dalla nascita di Santa Teresa D’Avila

Sabato 28 marzo 2015, ricorre l'anniversario della nascita di Santa Teresa D'Avila, infatti, cinquecento anni fa nasceva il 28 marzo 1515 ad Avila. Per sottolineare l'importanza della Santa, incontriamo il pittore Francesco Guadagnuolo, che con il suo lavoro artistico ha dedicato diverse mostre a questa singolare Donna.

  Abbiamo incontrato il Maestro Guadagnuolo presso la storica libreria Leoniana adiacente al Vaticano dove espone una mostra su S. Teresa di Gesù, la celebra così: «Ho ritratto più volte Santa Teresa realizzando opere come: "La Giovinezza": che vuole essere l'inizio del suo percorso come una summa del cammino mistico della Santa.  "L'orazione di quiete": ovvero la condizione di pace con se stessa. La preghiera è vita e si estende di pari passo con lo sviluppo della vita cristiana: inizia con la preghiera vocale, procede per l'interiorizzazione tramite la meditazione e il raccoglimento, fino ad arrivare all'unione d'amore con Cristo e con la Santissima Trinità. "L'orazione di unione": un altro tema caro alla Santa è l'unione tra il Signore e la creatura, fino a sperimentare la verità delle parole di Paolo: «Non sono più io che vivo, ma è Cristo che vive in me» (GaI 2,20). Per Teresa il mistero della passione è costantemente scopo dell'intima preghiera. "L'umiltà di Santa Teresa": per la Santa l'umiltà era considerata come amore alla verità. "La grave malattia": dice Teresa «Gli svenimenti aumentarono e mi si aggiunse un mal di cuore così violento che tutti coloro che mi sostenevano ne rimanevano spaventati…», le cure iniziarono subito nella casa paterna, dove si trasferì per un periodo, ma i disturbi non si attenuarono. La monaca, stremata dai dolori, sembrava essere morta, rinvenne, svilita da atroci sofferenze, fece ritorno al Monastero e si stabilì all'infermeria, non essendo ancora in grado di riprendere la vita monacale. Trascorsero all'incirca tre anni perché il suo stato di salute migliorasse. Tanti furono gli sforzi per spiegare questa terribile malattia. "La Meditazione": o orazione di raccoglimento. Si tratta del "ritiro" dell'anima, la Santa rileva quanto è necessaria la preghiera. Pregare, dice, «significa frequentare con amicizia, poiché frequentiamo a tu per tu Colui che sappiamo che ci ama». "L'Orazione mentale": per la Santa l'orazione mentale non è solo un grado di preghiera, ma un'espressione intima: quello del legame privato con Dio. Per Teresa l'orazione vocale è quella dei «semplici fedeli» e l'orazione mentale o contemplativa è per «coloro ai quali è data una grazia particolare». Per Teresa l'orazione mentale eleva veramente la suddetta «preghiera», allo stesso tempo essa racchiude i principi della più alta contemplazione.  "L'Estasi di Santa Teresa": da tutte queste esperienze si completa l'unione, di cui l'estasi non può che essere il compimento, perché vissuta da Teresa in maniera sovra-naturale. Ella si sente in sintonia specialmente con la sposa del Cantico dei Cantici e con l'apostolo Paolo, oltre che con il Cristo della Passione e con il Gesù Eucaristico, modello assoluto di "sposalizio spirituale" con Dio. "L'albero fiorito": mentre la loro Madre moriva, le suore dei vari monasteri raccontarono i miracoli che accaddero dappertutto. Le Suore di Alba di Tormes raccontarono che c'era un alberello rinsecchito davanti alla finestra della cella in cui Teresa moriva: non aveva mai dato né fiori né frutti, dopo quella notte, all'alba, l'alberello era tutto coperto di fiori. "L'ombra della luce": con queste parole la Santa accoglie Gesù: «O Signore mio, e mio Sposo, è giunta l'ora che ho tanto desiderato. È tempo ormai che ci vediamo. È tempo che io venga, è l'ora giunta... ».  Teresa aveva amato Gesù come uno Sposo e ancora di più Gesù aveva amato Teresa».

Tutte queste opere su Santa Teresa D'Avila di Guadagnuolo si possono visitare presso la storica Libreria Leoniana, di Via dei Corridori, 28, accanto al Braccio destro del colonnato berniniano dal 28 marzo  al 30 giugno 2015 (tutti i giorni feriali dalle ore 8,00 alle ore 18,30, tranne il giovedì: dalle ore 8,00 alle ore 13,00 e dalle 15,00 alle ore 18,30).

 

I pavimenti in resina

La prima cosa su cui fare chiarezza riguardo ai pavimenti in resina è che tali pavimenti non sono in realtà pavimenti costituiti esclusivamente di resina, come invece un pavimento in cotto è costituito da soli elementi in cotto. Questo perché la resina entra come semplice elemento rivestente una superficie, che può essere di differenti materiali.

La funzione della resina è infatti quella di costituire una sorta di spessa pellicola protettiva che copre la superficie su cui viene posata, fornendole caratteristiche di lucidità, resistenza e durezza.
Per questa ragione un pavimento in resina necessita innanzitutto di una base su cui la resina viene applicata. La base, come si diceva, può essere costituita da moltissimi tipi di materiali. Legno, ceramica, cemento, plastica, pietra, sono tutti esempi di materiali adatti ad essere rivestiti da resina e quindi a diventare delle vere pavimentazioni in resina.

E' questa la ragione per cui anche un vecchio pavimento può essere trasformato in un "nuovo" pavimento in resina, generalmente senza grandi difficoltà. Tale possibilità, che consiste essenzialmente nel rivestire con diversi strati di resina il vecchio pavimento, ha dei costi sensibilmente inferiori a quelli della sostituzione della vecchia pavimentazione con una totalmente nuova. In questo modo è possibile rinnovare in maniera particolarmente efficace un ambiente con costi contenuti e con risultati duraturi nel tempo.

Al di là comunque della economicità offerta dalla resina in particolare in casi come il precedente, la diffusione dei pavimenti in resina si deve soprattutto alle specifiche caratteristiche di questo materiale. La resistenza alle abrasioni e quindi all'usura è sicuramente una delle prime. La sua atossicità unita alla facilità di lavaggio e pulizia è un'altra particolarità che rende la resina adatta all'utilizzo in ambienti dove è richiesto un alto grado di igiene. Anche la capacità di resistere a muffe e batteri è una caratteristica utile e apprezzata, soprattutto nell'impiego in ambienti molto umidi.

Oltre a tutto questo le resine offrono interessanti qualità estetiche non sempre disponibili in altri tipi di materiali. Sono infatti disponibili nei più vari colori e in moltissime tonalità e sfumature. Così come molto vario è il potere di riflettere la luce delle resine in commercio, potere capace di produrre effetti che vanno da superfici ultrariflettenti, a effetti satinati e a luce diffusa. Non si dimentichi poi il fatto che utilizzando determinate resine assieme ad appositi materiali aggiuntivi, quali ad esempio certi metalli, o addirittura l'oro, è possibile ottenere effetti di altissimo impatto capaci di dare ad un ambiente un tocco davvero particolare. A tutto questo si aggiungono infine le diverse modalità di posa delle resine, come ad esempio la così detta "spatolatura", che consentono di ottenere ulteriori qualità estetiche, capaci di differenziare ogni pavimento dagli altri in maniera unica e ed esclusiva.

Per quanto riguarda i prezzi, dare dei valori precisi e ragionati non è in questa sede fattibile, a causa dei moltissimi parametri che concorrono a determinare il costo finale di un pavimento. E' possibile invece fornire una fascia di prezzo, necessariamente molto ampia, che vede nell'estremità più bassa i pavimenti di qualità minore, con un costo che si aggira attorno a qualche Euro a metro quadro. Nell'estremità più alta troviamo invece i pavimenti di qualità superiore, il top dei pavimenti in resina, con prezzi che arrivano attorno ai 70-80 Euro per metro quadro. I fattori in gioco sono tanti e vanno dallo spessore dello strato di resina, al numero di strati, alla qualità e al tipo della resina usata, all'impiego di ulteriori materiali insieme alla resina e alla modalità di posa. Sono tutti questi elementi che concorrono a determinare l'ampia differenza di prezzi appena illustrata.

Roberto Pistoni

Scambio Giovanile 3…2…1 Action! Palermo, Marzo 2015

Il 23 marzo si è concluso lo Scambio Giovanile 3...2...1 Action!, cofinanziato dall'Unione Europea nell'ambito del programma Erasmus+ ed organizzato dall'Associazione Uniamoci Onlus di Palermo. Durante le sette giornate di attività, 35 giovani partecipanti (normodotati e con disabilità), provenienti da ben sette Paesi europei e limitrofi, Italia, Polonia, Ucraina, Armenia, Moldavia, Romania e Malta, sono stati incoraggiati attraverso cinema e attività multimediali a confrontarsi su temi importanti quali la diversità, la tolleranza, l'inclusione/integrazione sociale per contribuire alla costruzione di un'Europa più equa e solidale.

Le attività, che si sono svolte principalmente presso la sede dell'Associazione Uniamoci Onlus, un BENE CONFISCATO ALLA MAFIA sito a Palermo in Via Giafar, ed in parte all'aperto, in ville e piazze cittadine, hanno prodotto un risultato concreto di grande prestigio: "Walking in my shoes"un cortometraggio di 4 minuti, interamente ideato, girato,e montato dai partecipanti del progetto. Il corto mostra in parallelo lo svolgimento delle stesse attività quotidiane da parte di un ragazzo normodotato ed un ragazzo con disabilità motoria. Il corto evidenzia come le attività più banali possano invece presentare diversi ostacoli per le presone con disabilità. Il video è stato pubblicato sul canale youtube dell'Associazione Uniamoci Onlus e diffuso attraverso i social network ( https://www.youtube.com/watch?v=xO3B3Xglg1M). Molto interessante anche un corto volto a contrastare la violenza dal tiolo "Breaking the silence to stop the Violence" prodotto da un gruppo di partecipanti durante un workshop volto alla creazione di brevi video come messaggi sociali da diffondere; anch'esso pubblicato sul canale youtube dell'Associazione Uniamoci Onlus, sarà presto integrato da ulteriori video a tematica sociale.

La notevole creatività, professionalità ed efficacia che si evincono in questi prodotti, originano dal confronto  culturale e dalla cooperazione tra i giovani, con un unico obiettivo comune: la costruzione di un'Europa migliore.

Per maggiori info visita il sito del progetto:  http://youth-exchange.wix.com/321action

 



  Eleonora Di Liberto
  Vicepresidente e Project Manager
  Associazione Uniamoci Onlus
  www.uniamocionlus.org -
info@uniamocionlus.org

  tel./fax 0039/0919765893



Convegno sulla Tunisia il 31 Marzo alla Camera dei Deputati



CONVEGNO
 "Il Mondo Arabo guarda al modello Tunisia,
l'alba di una Democrazia araba"
Martedì 31 marzo 2015 dalle h. 15.30
Roma, Sala Aldo Moro – Palazzo Montecitorio – Ingresso Principale


INVITO

Martedì 31 marzo 2015 alle h. 15.30, presso la Sala Aldo Moro di Palazzo Montecitorio, l'Associazione di Amicizia e Cooperazione Italia – Tunisia, di concerto con l'Ambasciata di Tunisia a Roma, promuoverà un Convegno sul tema "Il Mondo Arabo guarda al modello Tunisia, l'alba di una nuova Democrazia araba".

Le primavere arabe hanno posto  all'Europa molte domande. Come gestire le emergenze in Siria, Iraq, Libia? Quale strategia per la diplomazia europea?  Dalla Tunisia è arrivato un importante messaggio nel 2014.

Ospiti d'onore saranno Chekib Nouira, Presidente dello IACE - Istituto degli Imprenditori Arabi  e Mourad Fradi, Presidente della Camera Tuniso-italiana di Commercio e Industria.

Alleghiamo il panel dei lavori.

Nell'attesa, i più cordiali saluti
il Segretario Generale                 il Presidente
Antonio Loche                                 On. Vittorio Craxi

Attenzione

Per motivi di sicurezza, si informa che verrà consentito l'ingresso soltanto a coloro che avranno confermato la propria adesione per email (isia@mclink.it) indicando il proprio nominativo ed incarico e che si presenteranno muniti di un documento di identità. Si ricorda l'obbligo per gli uomini di indossare giacca e cravatta per poter accedere agli ambienti della Camera dei Deputati.

Atri, grande entusiasmo per l'inaugurazione dello Sportello Informagiovani del Comune


Atri, 25 Marzo 2015
Atri, grande entusiasmo per l'inaugurazione dello Sportello Informagiovani del Comune

Si é svolta sabato 21 marzo, presso i locali del Centro per l'impiego di Atri, in Corso Elio Adriano n. 1, di proprietà della Provincia di Teramo, l'inaugurazione dello Sportello Informagiovani del Comune di Atri. All'incontro hanno partecipato la Vicepresidente della Provincia Barbara Ferretti, il Sindaco di Atri Gabriele Astolfi, l'Assessore alle Politiche Comunitarie Umberto Italiani, la Presidente e la Vicepresidente dell'Associazione InFormaMentis Abruzzo, Lucia Prosperi e Pina Paradisi .
Negli interventi si è ribadita l'importanza del servizio offerto dallo Sportello, gestito dall'Associazione Informamentis, il quale interagirà con i giovani, quali principali protagonisti, nonché con tutti coloro che vorranno trovare aiuto e supporto nelle attività e nelle informazioni proposte dall'Informagiovani, generando costruttive sinergie. L'inaugurazione ha visto la partecipazione numerosa da parte di tutta la cittadinanza nonché di alcune classi dell'Istituto A. Zoli di Atri, con il quale si vuole stabilire un rapporto collaborativo e propositivo che veda i giovani e gli studenti di Atri attivi in iniziative portate avanti dall'Associazione InFormaMentis Abruzzo attraverso il servizio dell'Informagiovani. Lo sportello poi, nonostante nasca come servizio rivolto ai giovani, accoglie un'utenza più ampia, per offrire un luogo dove poter reperire le informazioni più svariate, come formazione, associazionismo, mondo del lavoro, mobilità europea, vacanze studio, sport e tempo libero, cultura, nonché laboratori ed incontri formativi su diverse tematiche.
Al servizio Informagiovani sarà inoltre affiancato un relativo spazio all'interno del sito istituzionale del Comune di Atri, dove saranno inserite tutte le attività e le informazioni inerenti lo sportello, nonché relativa pagina Facebook.
Tra le prime iniziative realizzate dall'Associazione InFormaMentis Abruzzo, attraverso lo sportello Informagiovani del Comune di Atri, ci sarà la presentazione di progetti di mobilità finanziati dal programma Erasmus + con la partecipazione attiva di giovani che vi hanno già preso parte e che saranno chiamati a raccontare la loro esperienza. Altra iniziativa sarà rappresentata dall'organizzazione di un corso gratuito sull'utilizzo del tablet e di internet per over 50, denominato "Insieme a scuola di internet", che si terrà il 30 e 31 Marzo nel locale dell'Informagiovani. Il corso è frutto di un'intesa siglata tra la Fondazione Vodafone Italia, Federanziani, il Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca, il Ministero per la Cooperazione e lo Sviluppo Internazionale e l'Associazione Nazionale Comuni Italiani.
Nell'ottica poi della diffusione di una cittadinanza europea, sarà organizzata una visita all'interno di Spazio Europa, presso Palazzo Campanari, in via IV Novembre a Roma, spazio gestito dall'Ufficio d'informazione in Italia del Parlamento Europeo e dalla Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, con lo scopo di promuovere la conoscenza e il dibattito sulle questioni europee, in particolare sulle tematiche di interesse per i giovani.
Inoltre, si prevede di organizzare delle attività per la Festa dell'Europa il 9 Maggio, giorno della sua ricorrenza, coinvolgendo gli studenti di Atri, i giovani e chiunque sia interessato. Maggiori informazioni sull'iniziativa potranno essere reperite all'interno dello sportello durante gli orari di apertura.
Lo sportello sarà gestito dall'Associazione InFormaMentis Abruzzo, e effettuerà i seguenti orari di apertura: lunedì 9,00-12,00; martedì mattina 9,30-12,00; martedì pomeriggio 15,30-17,00; mercoledì 9,00-12,00





Il servizio sarà gestito dall'Associazione "InFormaMentis", ed effettuerà i seguenti orari:
lunedì ore 9.00 - 12.00;
martedì ore 9.30 - 12.00, 15.30 - 17.00;
mercoledì ore 9.00 – 12.00.

Info: 
info@informamentisabruzzo.it
328.0819540 - 347.5132805

mercoledì, marzo 25, 2015

Ciccio Merolla con Marcello Coleman e Zaira live al Dejavu' di Pozzuoli venerdì 27 marzo ore 21


Ciccio Merolla con Marcello Coleman e Zaira 
live al Dejavu'

Venerdì 27 marzo ore 21

 

Venerdì 27 marzo alle ore 21 Ciccio Merolla al Dejavu' Club ArtAppArt darà vita ad un nuovo live ricco di sperimentazioni e linguaggi originali dove i suoni mediorientali, i ritmi e le atmosfere africane sono interpretate in un linguaggio napolegno doc. Per questo live Ciccio Merolla ha messo a punto un set originale elettroacustico capace di fondere i groove dell'hip hop con il calore dei suoni etnici da sempre amati e approfonditi dal percussionista. Pura contaminazione: questa è la sintesi del nuovo tour di Ciccio Merolla 2015.

 

Sul palco con lui i suoi amici di sempre:  Massimo D'Ambra (keyboard e pianoforte), Zaira (voce), Marcello Coleman (Voce)  creano insieme a Ciccio Merolla, un sound totalmente nuovo a metà strada tra le atmosfere mistiche e la vita di strada,  un'alchimia possibile grazie alla miscela esplosiva di talento, ricerca e naturalmente passione.

Una bomba di energia contagiosa quella sprigionata da questa formazione pronta a far ballare e cantare il pubblico dal primo all'ultimo brano proposto sul palco.  

 

Appuntamento da non perdere venerdì 27 marzo alle ore 21 al Dejavu' Club ArtAppArt in via Campi Flegrei ,1 – Pozzuoli.  A seguire dj Set Irene Ferrara.

Free Entry

 

Per info e prenotazioni: 081- 5265902

 

 

Ufficio Stampa : Manuela Ragucci manuela.ragucci@tin.it  338/3116674