mercoledì, luglio 28, 2010

Visitare Livigno

La storia di Livigno, intesa come località turistica come noi tutti la conosciamo, inizia negli anni '50, con l'apertura del passo del Foscagno, una mulattiera che divenne transitabile anche nel periodo invernale, interrompendo così finalmente l'isolamento del paese e aprendolo a nuovi sviluppi.
Nacquero così alcuni piccoli impianti di risalita che cominciarono a far venire i primi sciatori a Livigno, ma le strutture ricettive erano pochissime poichè l'attività turistica legata agli sport invernali era ancora in una fase pionieristica. Oggi la località dispone di strutture ricettive e di hotel Livigno dotati di tutti i servizi, adeguati all'importanza che il centro ha raggiunto in questi anni.
Livigno è la località più glamour presente in Valtellina, con i suoi locali alla moda, discoteche e ritrovi vari.
A causa del suo status extradoganale, è anche la località turistica più conveniente di tutta la Valtellina, insomma è un posto molto frequentato dagli amanti dello shopping. Livigno è chiamata il piccolo Tibet ed è conosciuta in tutto il mondo per la sua bellezza.
Livigno è universalmente considerata il paradiso degli sciatori: 115 km di piste da sci di ogni tipo, per esperti e per persone alle prime armi, 40 km di percorsi per lo sci di fondo, 70 km quadrati di piste e uno snowpark comprendente half-pipe jump per gli amanti dello snowboard. Gli impianti di risalita sono numerosi e moderni, e garantiscono un servizio all'avanguardia. 
Come è capitato alle altre località sciistiche della Valtellina, il centro ha diversificato la sua offerta turistica, diventando una città appetibile anche nel periodo estivo grazie ai convenienti appartamenti Livigno.
Durante l'estate infatti, ci sono può immergere nella splendida natura che circonda il paese, passeggiando e pedalando lungo i percorsi montani che sono numerosi e segnalati, oppure facendo trekking. Livigno per i suoi locali e le sue discoteche, è una località che offre ai turisti una vita mondana ricca di eventi e di possibilità di divertimento.

Nessun commento: